EDITORIALE #23, MARZO 2017

di Vincenzo Branà

Mentre La Falla va in stampa, Donald Trump ha nuovamente conquistato l’apertura dei nostri telegiornali escludendo alcune importanti testate – dalla Cnn al New York Times – da una conferenza stampa ufficiale alla Casa Bianca. L’idea che il potere significhi potere di escludere è uno dei tratti più tipici ed evidenti del trumpismo e anche uno dei più premiati dall’elettorato americano, stando ad alcune analisi del voto. Esiste quindi una sintonia tra quella pratica particolare e il contesto – storico, politico, culturale – che ha permesso a quella pratica di raggiungere la vetta del mondo.

Nel potere di escludere dallo spazio pubblico (materiale o immateriale) non solo si realizza un attacco alle libertà individuali e ai relativi diritti ma si contraddice soprattutto il carattere pubblico di quello spazio, che viene cannibalizzato dal pensiero – e dalle norme, dalla cultura e dalle rappresentazioni – di una maggioranza. La cannibalizzazione degli spazi politici è quindi uno dei fenomeni che può raccontarci a posteriori un muro, cioè l’esercizio di un potere per tagliare fuori e marginalizzare il dissenso.

Come le ciambelle, non tutte le esclusioni, però, riescono col buco: il movimento femminista è protagonista ormai da mesi di un’imponente presa di parola collettiva a dispetto dell’indifferenza dei partiti e delle istituzioni e del racconto mediatico che ne fa emergere solo alcuni sprazzi, come si trattasse semplicemente di un fenomeno curioso. Nel percorso #Nonunadimeno – che è globale e che coinvolge movimenti in tutto il mondo, dall’America al Nord Europa – si realizza invece la possibilità di un cambiamento reale, di un sovvertimento che porta la politica fuori dai confini esclusivi del potere denunciando l’autoreferenzialità dei contenitori istituzionali. Il prossimo 8 marzo, lo sciopero globale delle donne rappresenta l’occasione di indicare una nuova agenda politica, che parla di libertà, di autodeterminazione, di salute, di welfare. Ma soprattutto quella giornata è l’opportunità concreta per riconquistare lo spazio pubblico, contrastando la cannibalizzazione di una politica in crisi, ipnotizzata dal proprio ombelico.

Pubblicato sul numero 23 de La Falla – Marzo 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...