Fa buon brodo

di Antonia Cassoli

Difficile approcciarsi alla gerontofilia senza un certo disagio quando tutti i dizionari, linguistici e medici, inseriscono nella definizione termini come “morbosità”, “eccessivo”, “perversione”. Volendo poi epurare queste definizioni dai loro aggettivi denigratori, rimangono due possibilità: “amore per l’anziano”, etimologica e indulgente, oppure “attrazione sessuale verso le persone anziane”, schietta ed esplicita. In ambito medico-psicologico, così come in quello giuridico, la gerontofilia non è inserita tra le perversioni, almeno fin quando non si realizzi come parafilia, ovvero quando le pulsioni erotiche implichino il coinvolgimento di persone non consenzienti. Se dunque l’anziano viene fatto oggetto di desideri e pratiche sessuali senza il suo consenso, approfittando quindi del potere insito per natura in una persona giovane, forte e lucida di mente, l’atto è da considerarsi morboso, malato, nonché penalmente perseguibile. E fin qui tutti d’accordo. Ma quando ci troviamo davanti ad una situazione di evidente e placida consensualità? Non è forse liberatorio e rassicurante sapere che c’è una vita sessuale e affettiva anche oltre una certa età, quando la prestanza fisica ci ha ormai abbandonato e i nostri connotati allo specchio non sono più quelli con cui ci ricordiamo? Il confine tra ciò che è empatico e ciò che viene solo tollerato è sottile; se l’anziano si trova in una posizione di potere – economico o culturale – pensiamo immediatamente ad un rapporto di prevaricazione; quando invece non sembrano esserci sbilanciamenti di alcuna natura allora tendiamo ad etichettare la situazione come un’innocua ma non ordinaria inclinazione. Il tabù dell’età (è proprio il caso di chiamarlo così, soprattutto se pensiamo al tabù come a qualcosa di cui non si parla) rimane vivo e poco disquisito, ed io ho il sospetto che non sia perché riteniamo incomprensibile che una persona giovane possa trovare piacere in un corpo anziano, ma piuttosto perché non siamo disposti ad accettare che gli anziani siano ancora alla ricerca e alla realizzazione del piacere sessuale.

Abbiamo chiesto a Bruce LaBruce, autore del film Gerontophilia, di parlarci del suo lavoro.

pubblicato sul numero 0 de La Falla – dicembre 2014

Annunci

Una risposta a “Fa buon brodo

  1. Pingback: Gerontofilia |·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...